News su Linkedin

Ci trovate anche su Linkedin con le pagine dei nostri Brand PaviaTourism, PaviaCard e Sol diVino. Seguiteci anche qui.

La Pagina PaviaTourism – Pavia Card
La Pagina aziendale Trait d’Union
La Pagina Sol diVino

Vi aspettiamo.

Sarà perchè ti amo

Roberto Talbotti è solito tornare ogni anno, a settembre, nella sua villa, in Campania, per le vacanze. Questa volta però decide di arrivare prima, e scopre che il suo maggiordomo, Maurizio, la governante, Maria e il Capo Chef, Dino, durante la sua assenza annuale, utilizzano la villa come un albergo (battezzato “Ciao Italy”) che, al momento, ospita un gruppo di giovani ragazze milanesi e la loro accompagnatrice, Margherita, con la quale il Maggiordomo ha già instaurato un rapporto “molto confidenziale”.

Ma il resto venite a scoprirlo il 1 Dicembre al Teatro Arlecchino a Voghera.

 

Autunno Pavese 2019

E dopo i nostri incontri di “Aspettando Autunno Pavese”, eccoci finalmente arrivati al meritato riposo dopo 4 giorni di fiera. Il tempo inclemente quest’anno non ha aiutato molto, ed infatti abbiamo notato una certa diminuzione di presenze alla manifestazione.

In ogni caso al nostro stand non ci si è annoiati. Molte le persone che si sono fermate a degustare i prodotti di Monsupello, Maggi, Il Girasole di Travacò e del Salumificio Daturi ed il dolcetto SoldiVino della nostra azienda.

La nostra ormai consolidata collaborazione, sostenuta dallo star bene assieme,  attira sempre più semplici visitatori e professionisti del settore che si interessano ai nostri prodotti.   

Nei 36 mq dello stand Trait d’Union & partners, un arredamento stile anni 60 con vecchie poltrone da cinematografo e tavoli con sedie in formica colorata, ha accolto famigliole e gruppi di amici, ma anche buyers nazionali ed internazionali che si sono trovati a proprio agio nel discutere di affari con i nostri partners.

Ed infine Sol diVino, abbinato alla “mossaperfetta” la Bonarda dell’azienda Quaquarini, nella serata “Gemelli Diversi” organizzata da FISAR Pavia, ha ottenuto un grandissimo apprezzamento nell’abbinamento con questo grandissimo vino d’Oltrepo.

Una cosa ci resta da sottolineare. Questi giorni sono proficui per le nostre aziende perchè alla base c’è il piacere di lavorare assieme. E lo si può riscontrare dai sorrisi che vedete.

Stagione Stanzone Tango Wine

Inizia la stagione di eventi a Lo Stanzone Tango Wine. Il prossimo 29 Settembre, a partire dalle 20,00 i maestri argentini Luis Castro e Claudia Mendoza presenteranno il loro metodo per l’insegnamento del Tango Argentino. Quest’anno le lezioni saranno su tre livelli: Principianti, Intermedi ed Avanzati. Come sempre, nel corso dell’anno, oltre alle serate di Milonga che si terranno ogni 15 giorni (alla domenica) dopo i corsi, non mancheranno eventi con musica dal vivo e degustazioni di eccellenze del territorio. Insomma, ci sono tutte le premesse per trascorrere un piacevole inverno fino a primavera inoltrata a Voghera.

Aspettando l’Autunno Pavese – il 2° Appuntamento

Ed eccoci giunti al nostro secondo appuntamento con le aziende e con i privati “Aspettando l’Autunno Pavese”. Il secondo aperitivo ha riscosso ampio successo. Pienone al Girasole di Travacò a gustare i pregiati vini dell’azienda Monsupello. In campo Senso (Chardonnay barricato) e Tango Wine (Cabernet Sauvignon) in abbinamento con frittatine alle erbette, peperoni grigliati, grana padano, salame di varzi etc…

Per il nostro stand all’autunno pavese abbiamo già tanti appuntamenti: Infatti le persone che qui hanno assaggiato le prelibatezze del nostro territorio ci verranno a trovare portando amici di altre zone; crediamo di essere sulla strada giusta: Le aziende del territorio incontrano le persone del territorio e insieme promuovono il proprio territorio.

Ma dall’aperitivo di lavoro sono nati confronti e idee tra le aziende che parteciperanno insieme ad Autunno Pavese nello stand Trait d’Union, per rendere la manifestazione sempre più bella, viva e interessante.

Gli aperitivi di “Aspettando l’Autunno Pavese”, dall’idea di Trait d’Union e del Girasole di Travacò, diventano sempre più un interessante tavolo di lavoro tra le aziende e un momento di incontro con le persone che apprezzano e approfondiscono la conoscenza delle nostre bontà. Vi aspettiamo al prossimo appuntamento del 5 Luglio.

Nel frattempo le aziende che vorranno esprimere la propria intenzione di essere con noi ad Autunno Pavese 2019 possono contattarci al n. 346 0041098

Las Maripositas in concerto a lo Stanzone di Voghera

Non si può mancare ad un bellissimo concerto che si terrà Domenica 26 Maggio a Voghera. lo Stanzone Tango Wine ospita queste bravissime giovani talenti del Tango, in un concerto

per festeggiare la fine dei corsi di tango argentino. Appuntamento dunque allo
“Stanzone Tango Wine” di via XX Settembre 92 a Voghera. Alle 20,30, dopo le ultime lezioni, aperitango aperto a tutti (15 euro). A seguire si esibirà il quartetto femminile
Las Maripositas, con al piano Fabiana Avolj, alla voce Valentina Paiella, al bandonéon e al flauto Monica Tenev e al violoncello Daria Rossi. Il concerto sarà preceduto da una
milonga con il dj Gabriel Sodini, mentre i maestri Luis Castro y Claudia Mendoza si esibiranno in un paio di improvvisazioni sui brani de Las Maripositas.

Aspettando l’Autunno Pavese – 1° Appuntamento

L’idea è quella di un aperitivo durante il quale parlare del prossimo Autunno Pavese. Ieri sera al Girasole di Travacò si è tenuta la prima serata. Incontro tecnico, ma soprattutto è stato un aperitivo tra amici. I partner storici Trait d’Union hanno come loro costume, animato la serata e alcune nuove piccole realtà del territorio si sono mostrate molto interessate a far parte del gruppo. Complice sicuramente il piacere di stare insieme oltre i rapporti commerciali.

Presenti molti avventori, che si sono lasciati coinvolgere nell’accompagnamento dei pregiati prodotti del Girasole di Travacò con due vini proposti dall’Azienda Francesco Maggi di Canneto Pavese: Pinot Nero Spumante Igt  Martinotti e il Fatum, un classico Bonarda.

Non è mancata, al termine dell’aperitivo, la degustazione di Sol diVino, il dolcetto di Trait d’Union “ambasciator di gusto” del territorio pavese.

Il prossimo appuntamento è al 7 Giugno al Girasole di Travacò.

TESTAROSSA de La Versa si presenta

Nell’elegante cornice del Westin Palace Milan, si è tenuto a battesimo l’ultimo nato in casa La Versa: il “Testarossa” Spumante metodo classico.
A dire il vero, spiega il Presidente di Terre d’Oltrepo Andrea Giorgi, quello di Testarossa è un ritorno dopo trent’anni dalla sua nascita, e dopo che per alterne vicende era uscito di scena.
Si percepisce orgoglio nella voce di Giorgi per questo prodotto figlio di una Cantina, La Versa, che esce da un periodo difficilissimo così come Terre d’Oltrepo. In Testarossa si è investito lavoro, emozione, passione e qualità per dare ai Clienti un prodotto con cui brindare nei momenti belli della vita.
La determinazione e la cura che La Versa sta profondendo nel progetto Testarossa è la stessa del contadino che reinveste nel proprio vigneto,con enorme sforzo, dopo che lo stesso, nel momento migliore della vita vegetativa viene rovinato da una grandinata.
La Cantina La Versa è una presenza storica nel mondo della spumantistica italiana, e deve continuare ad essere tale.
L’enologo Pietro Dilernia ci ha fatto un escursus sulla vita del pinot nero. Questo fantastico vitigno cresce in tutto il mondo, ma solo in Oltrepo trova il terroir ed il microclima ideale per dare il meglio di se.
Il Pinot Nero rende l’Oltrepo la seconda zona al mondo per produzione di vini per la spumantizzazione. Le prime prove per la produzione di spumante La Versa le inizia nel 1930, ma bisogna attendere il 1970, con il duca Denari alla guida della cantina, per raggiungere il massimo splendore con la commercializzazione della prima DOC Oltrepò Pavese, ed il 1989 per assaggiare il primo Testarossa.
Il Pinot Nero è un vitigno con la schiena diritta, conclude Dilernia, che o piace o si odia. … L’Amore vince sempre sull’odio, aggiungiamo noi.
Andrea Rossi, invece, definito il “Papà” del Testarossa dal 2015, ci ha illustrato i dettagli tecnici che portano queste pregiate uve dalla collina (tra i 150 e 600 m slm) alla cantina dopo un viaggio in piccole cassette per evitare la rottura delle bacche.
Dopo una pressatura soffice, da ogni 100 Kg di uva si ottengono 45 Kg di mosto che si avvierà, con il prezioso aiuto dei lieviti a diventare il delizioso spumante Metodo Classico.
Il Presidente Andrea Giorgi sollecitato da alcune domande, conclude dicendo che Terre d’Oltrepò e La Versa vogliono essere sempre più vicine ai propri soci coltivatori per un utilizzo intelligente dei mezzi e delle risorse tecnologiche disponibili. Per questo le aziende hanno a disposizione un agronomo. Ed infine, Oltrepo non è solo metodo classico, ma Pinot Nero vinificato in rosso, Barbera, Bonarda, Croatina e quel Riesling Italico tanto diverso e sorprendente.
Dopo aver svelato una pupitre di Testarossa, il Presidente ci ha invitato a degustare questo Metodo Classico dal colore giallo paglierino di una buona brillantezza, con un perlage fine e persistente che porta al naso la fragranza di fiori e piccoli frutti bianchi freschi insieme ad un leggero sentore di crosta di pane dovuto alla permanenza di 36 mesi sui lieviti. Giunto al palato Testarossa si presenta morbido e fresco e pervade la bocca con le sue bollicine delicate lasciando a lungo il profumo dei piccoli frutti.
Per rimanere nel pensiero di Andrea Giorgi non ci resta che dire: “Grazie Oltrepo” per questo prestigioso prodotto.

Il Laboratorio Sol diVino

In chiusura di Autunno pavese il laboratorio di Sol diVino per sentire le opinioni del pubblico sui possibili abbinamenti del Dolcetto al Vino. Beatrice Perreca ha raccontato la storia di Sol diVino, da dove nasce al come è arrivata a produrlo nel momento in cui ha ritrovato sul territorio gli ingredienti che le hanno fatto risentire i profumi di quando questo dolcetto veniva prodotto in casa con la mamma.

Sotto la guida di due sapienti e bravissimi sommellier il pubblico ha testato gli abbinamenti, proposti con Bonarda, Buttafuoco Storico, Passito e Grappa. La partecipazione è stata vivace e nel giudizio finale ha vinto l’abbinamento la Bonarda

Sol diVino si è adeguato egregiamente a tutto, confermando ciò che aveva detto Beatrice all’inizio: Si adattano ad ogni situazione. 

Ecco il video completo: